#STORIEloghiPX: TIM

Oggi a #STORIEloghiPX, non parleremo della storia di un logo, bensì dell’ultimissimo restyling di casa TIM! Vi ricordate? Tempo fa, vi abbiamo già raccontato la lunga storia di un marchio che ha accompagnato l’evoluzione delle telecomunicazioni in Italia:

TIM

2016: 

Con l’inizio del nuovo anno, TIM ha pensato bene di innovarsi, del resto si occupa di comunicazione, uno dei settori che continua e continuerà a evolversi a una velocità sorprendente. Basta pensare ai telefoni, ormai quelli con il filo sono un lontanissimo ricordo, ma senza andare troppo indietro, anche i nostri primi cellulari sono ormai preistoria. Guardate gli smartphone… ogni anno ke varie case produttrici, ne sfornano uno nuovo più potente del precedente, facendo a gara per avere il primato sul mercato.

pentapx-blogpx-storieloghipx-comunicazione-tim-nuovo

Il nuovo logo TIM non è stato stravolto completamente, si è voluto mantenere continuità con quello a cui erano abituati gli italiani. Non sono stati toccati i colori che rimangono il blu e il rosso. Si è, però, voluto intervenire sulla forma delle linee rosse: ricordavano troppo il “mondo antico” analogico. Ideato in collaborazione con Interbrand, presenta infatti, sempre 3 linee orizzontali rosse, non più ondulate ma dritte per dare l’dea della modernità. Non rimandano solo al marchio SIP, ma lasciano spazio alla lettera T, che si legge tra gli spazi . Inoltre, la forma blu rettangolare che conteneva il logo, meglio conosciuta come il “biscotto”, viene completamente eliminata. Il lettering progettato è un carattere font bastoni, preciso, chiaro ed elegante.

Ecco il morphing della fusione tra TIM e Telecom, due loghi unificati in un unicum:

Lo scopo è quello di riunire in un unico brand le diverse anime di Telecom Italia che, adesso, si chiamerà TIM! Il logo è solo la prosecuzione di un percorso già intrapreso con la creazione di un unico portale sia per i clienti mobile sia per i clienti della linea fissa: www.tim.it.

Per conoscere o rimembrare quali sono stati i loghi precedenti a quello che abbiamo oggi, cliccate qui.