#BELINchestoriePX: forte Begato!

Da oggi  a #BELINchestoriePX vogliamo iniziare una sottorubrica per parlarvi della Liguria verde (l’altra faccia della medaglia rispetto a quella blu). Le alture liguri sono, da sempre, fortificate per controllare l’arrivo dei pirati e difendere la città! Vi ricordate che vi abbiamo già parlato di un forte? Forte Sperone, rinfrescatevi la memoria! Protagonista è ora:

Forte Begato

1990

Inizia un vero e proprio processo di restauro. Infatti, Forte Begato è l’unico ad avere una veste completamente nuova! Grazie a questi lavori è perfettamente accessibile al pubblico. La scelta è ricaduta su Forte Begato perché è il più facilmente raggiungibile, ci arriva la strada asfaltata e davanti al forte c’è un’area pianeggiante che hanno favorito la presenza di macchinari.

Posizione

Due i percorsi per raggiungerlo:

  • da Sampiardarena
  • da Manin

Poi in entrambi i casi si prosegue seguendo i cartelli per “Righi”.

Cenni storici

1818 – 1830

La struttura attuale del forte.

1832 – 1836

Il recinto bastionato.

Prima guerra mondiale

Viene adibita, come avvenne anche per altri Forti, come carcere dove venivano incarcerati i prigionieri austriaci.
Seconda guerra mondiale

I bombardamenti distruggono uno dei quattro bastioni e, nel 1943, la prigione viene presa dai tedeschi che la lasceranno solo dopo la sconfitta.

Prima del restauro
Viene usata come deposito dall’esercito.

Percorsi

Due sono i percorsi che si possono fare passando anche da Forte Begato:

Gallery

4 thoughts on “#BELINchestoriePX: forte Begato!

i commenti sono chiusi. Non puoi aggiungere nuovi commenti.