Almalaurea: classifica facoltà con più disoccupati

Siete curiosi di sapere quali sono le Facoltà che sfornano più disoccupati?

Questa la classifica delle facoltà con la percentuale più alta di disoccupati secondo Almalaurea:

pentapx-blogpx-comunicazione-tuttounpopx-statistica-almalaurea-disoccupati-001

Come tutte le statistiche va presa con le pinze anche perché il mercato del lavoro è molto variabile e possono nascere nuovi settori, scomparirne altri e, quelli attuali, subire modifiche.

In ogni caso quello che possiamo facilmente notare è… ahimè… che tutte le facoltà tranne una sono umanistiche…

  • Al primo posto con il 24% di disoccupati c’è Giurisprudenza: sarà che di avvocati ce ne sono troppi, che i concorsi per magistratura sono, invece, troppo pochi… fatto sta che ottiene la medaglia d’oro;
  • Psicologi, anche se ce ne sarebbe molto bisogno, in Italia, non vanno e la facoltà ha ben il 18% di disoccupati;
  • Lettere, stranamente è “solo” al terzo posto, con il 15% di disoccupazione, perché… purtroppo… ormai da molto, è una delle facoltà che tutti identificano come “inutile” in ambito lavorativo…

Seguono le scienze sociali, della comunicazione e quelle politiche ma anche lingue e letterature straniere, l’arte e il design e la filosofia, non sono messe bene, con un tasso di disoccupazione dal 10 al 14%.

La facoltà umanistica che riesce a battere l’unica scientifica presente, Agraria, è Sociologia!

pentapx-blogpx-comunicazione-tuttounpopx-statistica-almalaurea-disoccupati-002

Insomma, materie scientifiche battono alla grande materie umanistiche. Che dire? Ormai è risaputo che viviamo in una società dove il mercato sembra offrire posto solo a certe materie ma… non fermatevi alle apparenze!

Abbiamo scritto, ahimè, proprio perché tutte noi ne veniamo da facoltà umanistiche e… pensiamo che un umanista abbia moltissimo da dare… Vi faccio un esempio per contrastare quanto detto in questa classifica: per un sito web a chi vi rivolgereste?

  • A un informatico
  • A un ingegnere informatico

Sbagliato… i contenuti digitali, sono prodotti dell’ingegno e, proprio come un libro, hanno soprattutto bisogno di essere strutturati in maniera creativa, accattivante e geniale. Ecco che gli studi umanistici si rivelano l’arma vincente che, con opportune approfondimenti (ad esempio un corso di web mater) permettono di battere gli scienziati.

Quindi, ok, questa è la classifica ma non dimenticate che ci sono anche altre strade… le facoltà umanistiche, è vero, offrono meno sbocchi ma sicuramente aprono molto di più la mente e questo può rivelarsi l’asso nella manica se unito a corsi di specializzazione.

Noi la pensiamo così… Voi?

Un consiglio, seguite le vostre aspirazioni, siate caparbi, non demordete e, si, un occhio buttatelo anche al mercato perché purtroppo è quello che comanda ma cercate sempre di trovare un compromesso tra aspirazioni e offerta.