#BELINchestoriePX: colori fontana De Ferrari!

Vi siete mai chiesti come mai la fontana di De Ferrari spesso cambia colore? Rosa, rosso, verde, arancio, azzurro e bianco! I curiosi che, come noi, si domandano perché l’acqua cambi così spesso colore, oggi, a #BELINchestoriePX, avranno le risposte. Ogni colore ha un significato particolare.

 AZZURRO

Ieri, siete passati in zona fontana? Chi l’ha fatto avrà notato l’azzurro dell’acqua:

pentapx-blogpx-belinchestoriepx-comunicazione-fontana-de-ferrari-azzurro

Perché il 2 aprile era la “Giornata mondiale per la consapevolezza sull’autismo” organizzata dall’Angsa Liguria una onlus fondata proprio dai genitori di figli che soffrono di questo problema. Un problema che cresce e vive nel silenzio. Un silenzio che non è solo uno dei sintomi di questo disturbo psicologico ma è soprattutto ciò che la circonda: c’è poca sensibilizzazione e colorare la fontana servì proprio per dare luce a questa tematica!

Altri due colori colorarono De Ferrari sempre con lo scopo di sensibilizzare:

VERDE

Nel maggio del 2014 venne scelto il verde per sensibilizzare i cittadini su un’altra malattia poco conosciuta ma purtroppo molto diffusa come l’epilessia. Tantissime furono le associazioni che si riunirono in piazza De Ferrari per fornire tutte le informazioni a chiunque ne fosse interessato nel maggio del 2014.

ARANCIONE

Questo colore è stato scelto per un’altra malattia terribile purtroppo molto più conosciuta delle precedenti: la sclerosi multipla. La Sezione Provinciale di Genova di AISM – Associazione Italiana Sclerosi Multipla, continuò a fare iniziative per tutto maggio 2014 e la colorazione arancione venne mantenuta per tutto questo periodo.

pentapx-blogpx-belinchestoriepx-comunicazione-fontana-de-ferrari-arancio

Gli altri colori non centrano più con le malattie ma hanno a che vedere più con il mondo femminile.

ROSA

In realtà è un colore intermedio tra mondo femminile e, purtroppo, ancora una volta, la malattia. Il colore scelto, ovviamente, dovendo rifarsi alle donne non poteva che essere il rosa. Ad organizzare la giornata fu, nel settembre 2013, la Lega italiana per la lotta contro i tumori – Lilt, che stava girando tutte le città d’Italia con la campagna Nastro Rosa 2013: per sensibilizzare le donne a prevenire un tumore che spesso le colpisce, quello al seno. Siamo ormai giunti alla ventesima edizione e a Genova il simbolo è diventato proprio il colore rosa dell’acqua.

pentapx-blogpx-belinchestoriepx-comunicazione-fontana-de-ferrari-rosa

BIANCO

Questo colore riguarda sempre le donne più precisamente tutte le mamme perché  sensibilizzò all’allattamento dei propri figli. Il bianco venne scelto in occasione del flash mob del 18 maggio del 2014: bianco come il latte. L’iniziativa è stata voluta dall’Unicef e dalla Leche League – Lega per l’allattamento materno, con lo scopo di favorire l’allattamento al seno come abitudine salutare abitudine da incoraggiare! Nella piazza dalla fontana con l’acqua bianca si radunarono tutte le mamme allattando i loro figli.

pentapx-blogpx-belinchestoriepx-comunicazione-fontana-de-ferrari-bianco

ROSSO

Quest’ultimo colore ricorda quello del sangue perché le guerre sono esattamente questo: un’orribile perdita di sangue. Il sangue che scorreva nel corpo di uomini, donne e anche bambini. Sangue che avrebbe dovuto continuare a scorrere e invece si è fermato per una crudeltà che non ha niente di umano. De Ferrari in rosso per tre giornate volle essere un simbolo, nel settembre 2012, contro la guerra in Siria che stava generando milioni di sfollati e di feriti. Tre giornate contro le atrocità compiute in guerra.

pentapx-blogpx-belinchestoriepx-comunicazione-fontana-de-ferrari-rosso

Quindi, quando passate da piazza De Ferrari, fermatevi ad osservare la fontana e chiedetevi il perché del suo colore!