#BELINchestoriePX: Trilli Trilli!

IL MUST DEI GENOVESI

Nessun ma proprio nessun genovese non l’ha mai cantata! Soprattutto nelle serate tra amici quando l’atmosfera si fa più allegra ecco che si comincia dal ritornello e non si finisce più fino a tarda notte!

TRILLI TRILLI

 

TRILLI TRILLI in zeneize

Stamme ûn po a sentî
viätri da Föxe , chi ve salva
son quelli de Boccadäse
che son ciû tarlûcchi de viätri

T’ ho dïto che t’a prepari
o stocchefisce e bacilli
a gongorzola co-i grilli
e ûn bottigion de vin bon

e invece ti m’æ preparou
a menestrinn-a co-e êuve
a fà ciû fïto scì a chêuxe
ma o l’è ûn mangiâ do belin

O trilli trilli trilli t’æ ciû musse che mandilli
mandilli no ti n’æ , t’æ ciû musse che dinæ

o gnao gnao gnao m’ou belin comme t’é cäo
e fotto fotto fotto m’ou belin comme t’é brûtto

e semmo de zena e semmo da föxe
ne gïa e cugge no piggiemo ciû moggê
e poi g’ho dïto per ûn momento
e poi ghe dimmo che se levan d’inti pë

e semmo de zena e semmo da föxe
ne gïa e cugge no piggiemo ciû moggê
fin che a-o mondo ghe saia a moggê do mæ vexin
no piggiemo ciû moggê pe ûn bello belin .

Stan ben ben quelli c’han quarcösa , stan ben ben stan ben ben …

o trilli trilli trilli t’æ ciû musse che mandilli
mandilli no ti n’æ , t’æ ciû musse che dinæ

o gnao gnao gnao m’ou belin comme t’é cäo
e fotto fotto fotto m’ou belin comme t’é brûtto

e semmo de zena cö sacco de voxe
ne gïa e cugge no piggiemo ciû moggê
e poi g’ho dïto per ûn momento
e poi ghe dimmo che se levan d’inti pë

e semmo de zena e semmo da föxe
ne gïa e cugge no piggiemo ciû moggê
fin che a-o mondo ghe saia a moggê do mæ vexin
no piggiemo ciû moggê pe ûn bello belin
pe ûn bello …. violin

TRILLI TRILLI in genovese

Statemi un po’ a sentire
voialtri della Foce, chi vi salva son quelli di Boccadasse
che sono più scemi di voi.

Ti ho detto che mi prepari
lo stoccafisso e fave secche
la gorgonzola coi grilli
e un bottiglione di vino buono

e invece mi hai preparato
la minestrina con le uova
fa più presto si a cuocere
ma e’ un mangiare del belino.

O trilli trilli trilli
hai più musse che fazzoletti
fazzoletti non ne hai, hai più musse che soldi,

o gnao gnao gnao
ma belin come sei caro
e fotto fotto fotto ma belin come sei brutto.

E siamo di Genova, e siamo della foce,
e se ci girano le palle e non prendiamo più moglie,
finché al mondo ci sarà la moglie del mio vicino
non prendiamo più moglie per un bel belino!

Stanno ben bene quelli che c’han qualcosa, stanno bene, stanno bene…

o trilli trilli trilli,
hai più musse che fazzoletti
fazzoletti non ne hai, hai più musse che soldi,

o gnao gnao gnao
ma belin come sei caro
e fotto fotto fotto ma belin come sei brutto.

E siamo di Genova, con un sacco di voce,
se ci girano le palle e non prendiamo più moglie,
e poi gli ho detto per un momento,
e poi gli diciamo che si levino dai piedi,

E siamo di Genova, e siamo della foce,
se ci girano le palle e non prendiamo più moglie,
finché al mondo ci sarà la moglie del mio vicino
non prendiamo più moglie per un bel belino,
per un bello violino!!!

CHI SONO I TRILLI?

Un gruppo musicale genovese nato nel 1971 che ebbe subito un grande successo cantando molte canzoni in dialetto, già esistenti, come l’interpretazione del Ma se ghe penso e soprattutto inventandone di nuove tutte umoristiche proprio come l’indimenticabile Trilli Trilli. Ci provarono anche con canzoni italiane come, Pomeriggio a Marrakech, che portarono al Festival di Sanremo nel 1984, purtroppo, senza riuscire a raggiungere la finale.

Il gruppo era un duo formato da: Giuseppe Deliperi, soprannominato Pucci e Giuseppe Zullo, detto Pippo.

pentapx-blogpx-belinchestoriepx-comunicazione-Trilli-Trilli

Il duo si sciolse alla morte di Pucci nel 1997. Solo nel 2009 “E la storia continua…Trilli Trilli” grazie al figlio di Pippo, Vladimiro Zullo, che insieme a Francesco Zino incide un nuovo album che, appunto, permette ai Trilli di tornare sulla scena! Infatti, con “Olidin olidena” nel 2010 tornano ad appassionare i genovesi. Dal 2014, però, il duo si è nuovamente spezzato e a portare avanti l’eredità del padre è rimasto solo il figlio Vladimiro.

E ORA FORZA TUTTI A CANTARE anche i non genovesi:
“…O trilli trilli trilli t’æ ciû musse che mandilli
mandilli no ti n’æ , t’æ ciû musse che dinæ

o gnao gnao gnao m’ou belin comme t’é cäo
e fotto fotto fotto m’ou belin comme t’é brûtto…”