#BELINchestoriePX: “Ma se ghe pénso”

ma se ghe pensu

 

Tutti in piedi disposti su tre file a semicerchio, accompagnati dal piano del musicista mentre la maestra, con impeto e passione, si cimenta nelle vesti di direttore d’orchestra, il canto stonato ma sempre seguito da applausi e dalle lacrime dei genitori: la recita scolastica. Questo il ricordo di una delle Pentapx legato al “Ma se ghe pénso”: l’innocenza di bambini che stonavano quelle parole senza avere la minima idea del significato e senza capire perché, ogni volta, a quel canto i genitori si mettevano a piangere.

Questo post vuole proprio insegnare ai giovani la storia di un canto così rappresentativo per Genova.

Protagonista è un emigrante che ha lasciato Genova… Ormai anziano pensa alla sua città e ha un solo desiderio prima che la vecchia lo privi delle forze per farlo: tornare in patria per rivedere i luoghi della sua infanzia mai dimenticati. È proprio la descrizione di questi ad aumentare quel senso di nostalgia presente in ogni nota: veddo o mâ (vedo il mare), veddo i mæ monti (vedo i miei monti), ciassa da Nonsiâ (Piazza della Nunziata), Righi, lanterna, cava, mêu (molo), Zena illûminâ (Genova illuminata), Foxe (Foce). Tutti luoghi tipici: dalla Foce, che rappresenta il mare, passando per Piazza della Nunziata che rappresenta il centro storico, fino ad arrivare al Righi che rappresenta i monti senza non nominare la Lanterna che con la sua luce è il faro simbolo della città.

Testo e musica sono da attribuire a Mario Capello e la data del debutto fu il 1925 con la prima interpretazione del soprano Luisa Rondolotti al Teatro Orfeo che oggi non esiste più. Molti sono stati i cantanti famosi che l’hanno cantata: da Mina nel 1967, a Antonella Ruggero nel 2004, fino a “salire” sul palco del Teatro Ariston e “scendere” le scale del Festival di Sanremo uscendo dalle ugole del terzetto Massimo Ranieri, Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu.

Leggete la traduzione se non capite il zeneise e vi sarà chiara tutta la commozione che un genovese prova nel sentirla, quella di un emigrante che non si è mai dimenticato della sua patria, di quell’ unico luogo che può considerare la sua vera CASA: dove desidera con tutto il cuore tornare anche se ha fatto fortuna, ha una famiglia e i familiari gli sconsigliano un viaggio così lungo. Il finale è happy end: affronta quel viaggio e riesce a tornare nella sua Genova che il cuore non aveva mai lasciato…

 

Ma se ghe pénso
O l’ëa partio sensa ûn-a palanca,
l’ëa zâ trent’anni, forse anche ciû.
O l’aveiva lottou pe mette i dinæ a-a banca
e poèisene ûn giorno vegnî in zû
e fäse a palassinn-a e o giardinetto,
co-o rampicante, co-a cantinn-a e o vin,
a branda attaccâ a-i ærboi, a ûso letto,
pe daghe ‘na schenâ séia e mattin.
Ma o figgio o ghe dixeiva: “No ghe pensâ
a Zena, cöse ti ghe vêu tornâ?!”Ma se ghe penso alloa mi veddo o mâ,

veddo i mæ monti e a ciassa da Nonsiâ,
riveddo o Righi e me s’astrenze o chêu,
veddo a lanterna, a cava, lazzû o mêu…
Riveddo a séia Zena illûminâ,
veddo là a Foxe e sento franze o mâ
e alloa mi penso ancon de ritornâ
a pösâ e osse dov’ò mæ madonnâ.E l’ëa passou do tempo, forse troppo,
o figgio o l’inscisteiva: “Stemmo ben,
dove ti vêu andâ, papà?.. pensiemo doppo,
o viägio, o mâ, t’é vëgio, no conven!” –
“Oh no, oh no! me sento ancon in gamba,
son stûffo e no ne posso pròprio ciû,
son stanco de sentî señor caramba,
mi vêuggio ritornamene ancon in zû…
Ti t’é nasciûo e t’æ parlou spagnollo,
mi son nasciûo zeneize e… no me mollo!”
Ma se ghe penso alloa mi veddo o mâ,
veddo i mæ monti e a ciassa da Nonsiâ,
riveddo o Righi e me s’astrenze o chêu,
veddo a lanterna, a cava, lazzû o mêu…
Riveddo a séia Zena illûminâ,
veddo là a Foxe e sento franze o mâ
e alloa mi penso ancon de ritornâ
a pösâ e osse dov’ò mæ madonnâ.E sensa tante cöse o l’è partïo

e a Zena o gh’à formóu torna o so nïo.
Ma se ci penso
Era partito senza un soldo,
erano già trent’anni, forse anche più.
Aveva lottato per mettere i denari in banca
e potersene un giorno venire in giù
e farsi la palazzina e il giardinetto,
con il rampicante, con la cantina e il vino,
la branda attaccata agli alberi a uso letto,
per darvi una schienata sera e mattina.
Ma il figlio gli diceva: “Non ci pensare
a Genova, cosa ci vuoi tornare?!”Ma se ci penso allora io vedo il mare,
vedo i miei monti e piazza della Nunziata,
rivedo Righi e mi si stringe il cuore,
vedo la lanterna, la cava, laggiù il molo…
Rivedo la sera Genova illuminata,
vedo là la Foce e sento frangere il mare
e allora io penso ancora di ritornare
a posare le ossa dove ho mia nonna.Ed era passato del tempo, forse troppo,
il figlio insisteva: “Stiamo bene,
dove vuoi andare, papà?.. penseremo dopo,
il viaggio, il mare, sei vecchio, non conviene!” –
“Oh no, oh no! mi sento ancora in gamba,
sono stufo e non ne posso proprio più,
sono stanco di sentire señor carramba,
io voglio ritornarmene ancora in giù…
Tu sei nato e hai parlato spagnolo,
io sono nato genovese e… non mi mollo!”Ma se ci penso allora io vedo il mare,
vedo i miei monti e piazza della Nunziata,
rivedo Righi e mi si stringe il cuore,
vedo la lanterna, la cava, laggiù il molo…
Rivedo la sera Genova illuminata,
vedo là la Foce e sento frangere il mare
e allora io penso ancora di ritornare
a posare le ossa dove ho mia nonna.E senza tante cose è partito
e a Genova ha formato di nuovo il suo nido.