STORIA DELLE PENTAPX

GALEOTTO FU…

Ci siamo conosciute durante un corso della Provincia di Genova sul Web Master, nelle pause caffè, a Former - Formazione Consulenza

C’erano una volta, in un centro di formazione, Former, non molto distante dalle rispettive case, cinque giovani ragazze, piene di sogni e di entusiasmo. Nonostante avessero già conosciuto le cattiverie del mondo, la crisi, la disoccupazione, lavori non pagati, capi disonesti, il dogma delle raccomandazioni, non avevano perso le speranze anzi erano ancora più decise a ribaltare la situazione e a dimostrare che: #sipuòfare! Tra un <p> e l’altro </p>, una pausa caffè e la strada per il ritorno, si conobbero e si trovarono: feeling al 100%. In una di queste lunghe pause caffè una di loro scherzò «Potremmo metterci insieme». Frase che lì per lì non sortì alcun effetto ma che riecheggiò nella mente delle ragazze fino a diventare una melodia così piacevole da dover essere cantata!

 

 

IL FALÒ DI SAN GIOVANNI BATTISTA

Durante il falò di San Giovanni Battista a Genova decidiamo di trasformare la nostra comune passione per la comunicazione, la grafica, il web, i social network e la capacità di organizzare eventi in lavoro

Era la notte di San Giovanni Battista quando tutto cominciò… Genova bardata a festa si preparava a festeggiare, come ogni anno, il suo patrono. Ad aspettarsi, in piazza De Ferrari, le cinque ragazze conosciutesi durante il corso di html di Former. Prese le cartine… via al ghost tour tra i caruggi. Le storie di fantasmi sembravano prendere forma nei misteriosi intrecci tra un vicolo e l’altro, appena girato l’angolo la suggestione di fare un incontro ravvicinato con il paranormale era così reale da strizzare gli occhi. Tra una risata e l’altra, attraversate le “spettrali” tappe arrivò in fretta la mezzanotte. La luce del falò si rifletteva negli occhi di genitori, bambini e ragazzi incantati dalla magia delle fiamme. Lo scoppiettare del legno e le scintille crepitanti riempirono di calore i pensieri delle giovani ragazze che affidarono i loro desideri a foglietti che appallottolati furono lanciati e, in pochi secondi, bruciati. Come la Fenice che risorse dalle ceneri, in loro c’era la speranza che i desideri facessero altrettanto… forse una aveva scritto proprio “nuovo lavoro”, fatto sta, che riunite a parlare così intensamente non si accorsero che la festa era finita, la gente era rientrata a casa e del falò rimaneva solo il fumo…

 

LAVORI IN CORSO

Prima riunione alla biblioteca comunale Berio di Genova per il primo brainstorming, scriviamo nostre competenze (comunicazione, grafica, web, social-network, eventi) e cerchiamo il nome

Dalla cenere alla realtà, dallo scherzare al lavorare insieme! Il primo incontro: dopo una lezione di html tutte alla biblioteca comunale, la Berio. Un blocnotes, tanti pasticci, e un brainstorming indimenticabile! Siamo in una favola moderna, 2014, al posto di grilli parlanti e fatine, ad aiutare le cinque ragazze a condividere i loro pensieri, c’era il social network per eccellenza in Italia: il mitico “faccia da libro” Facebook. Giornate intere a scriversi in chat per organizzare la nascita della ditta: il primo e più difficile passo era trovare un nome. Scelta che le impegnò in ogni momento, l’ispirazione viene quando meno la si aspetta: in piena notte, in sogno, il primo pensiero del mattino, a colazione, durante una chiacchierata tra amici, una discussione in famiglia, usando un certo oggetto, leggendo una certa frase… insomma non appena qualcuna aveva un’illuminazione la condivideva. Le bocciature furono tantissime: era difficile mettere d’accordo cinque teste e, ancora più complicato, trovare un nome che convincesse.

«Deve essere originale»

«Deve rimanere perfettamente impresso»

«Ci deve rappresentare»

«Facilmente rappresentabile»

«Unico»

 

LA SAGRA DEL PANSOTTO

Alla sagra del pansotto di Bogliasco (Genova), l'illuminazione, nacque il nome PENTApx che avrebbe rappresentato la nostra futura azienda di comunicazione, grafica, web, social-network ed eventi

Eravamo disperate, tanti nomi ma nessuno che facesse scattare un ok generale, la ola, quell’urlo d’approvazione tanto atteso. Passarono i giorni, sempre più tristi, sempre più scontente, mai d’accordo, fino a… la sagra del pansotto di Bogliasco. Di cinque eravamo in tre e neanche i gustosi pansotti genovesi in salsa di noci, divorati in poco tempo, ci fecero distogliere la mente da quel nome che non ci dava pace. La tovaglietta divenne uno scarabocchio unico, ogni idea veniva testata sugli amici presenti, poveri non ne potevano più ma erano il pubblico più sincero e severo a disposizione. Sarà stato lo stomaco pieno, i pansotti, il sugo di noce, non sappiamo, ma ciò che interessa fu la lampadina… si accese: una insisteva con Penta, l’altra butto lì PentaPixel e l’ultima lo migliorò in PENTApx! Occhi illuminati, consenso degli amici, mancavano solo due pollici alzati: smartphone alla mano e chat di Facebook. La prima era entusiasta… la seconda voleva un payoff per dare il suo assenso! La serata continuò in un locale sulla spiaggia, sangria in mano, chiacchiere e tra una sorsata e l’altra, saltava fuori un payoff. Fu l’indomani mattina con la lista completa dei payoff che si alzò l’ultimo pollice: #erafatta, #PENTApx convinceva e avrebbe convinto, ne eravamo sicure!

 

 

IL NOSTRO GURU

Molto utili furono i consigli del nostro guru, maestro del corso di web master presso Former Formazione Consulenza Genova, su come organizzarci su comunicazione, grafica, web, social-network ed eventi

Il secondo e ultimo corso di html giungeva ormai al termine e per salutarci invitammo il nostro maestro, Adriano Casissa, a pranzare con noi. A lui la scelta: l’indiano. Mentre inforcavamo il pollo e bevevamo acqua per stemperare quel peperoncino, che a parer del cuoco non era affatto piccante, accennammo ad Adriano la possibilità di aprirci un’attività insieme! Un’idea che lo distolse dal suo piatto di kebab per parecchio tempo: entusiasmo a mille, esaltato come non mai, cominciò a darci una marea di consigli detti così velocemente che stentavamo a cercare di appuntarli. Abbandonò completamente la forchetta «Potreste rivolgervi a questi, fare quest’altro quell’altro e ancora questo», una macchinetta inarrestabile. Oltre che un ottimo maestro si rivelò un grande imprenditore: sapeva come muoversi e noi, già convinte, ascoltando le sue parole lo diventammo ancor di più! Maestro, commerciale, imprenditore e comunicatore: ce le aveva tutte! Alcuni passaggi li avevamo già intrapresi ma non potevamo rivelarglielo perché non eravamo solo noi cinque ma tutti gli studenti del corso. Aspettammo di essere da sole e subito gli scrivemmo: da quel giorno divenne il nostro guru pronto a venire in nostro soccorso in qualsiasi momento e per qualsiasi problema. #graziedicuore, a quelle cinque ragazze caparbie ma ignare del mondo impresa, il tuo sostegno fu fondamentale!

 

 

DONNE ALLA RISCOSSA

Incominciamo a lavorare su comunicazione, grafica, web, social-network ed eventi all'Università di Architettura a Genova: lavoro per donne perché più multitasking, affidabili e creative

Il nostro guru ci consigliò come muoverci, i primi passaggi da fare, come organizzarci: da brave allieve prima e discepole poi lo seguimmo alla lettera. Susseguirono tanti incontri virtuali e reali. Lavorare con il web è solo per persone multitasking… e chi meglio delle donne è in grado di fare più cose contemporaneamente? Nessuno! È testato scientificamente. E sfatiamo anche un altro mito che è pura maschilista leggenda, ahinoi, radicato nella nostra società e difficile da debellare! Immaginiamoci a un colloquio di lavoro, una domanda che una donna si sente spesso fare «Che ruolo ha la famiglia?». Primo non siamo così sceme da dirvi che è al primo posto, anche se così fosse, ovviamente è il nostro ultimo pensiero al primo c’è solo la carriera (ma cosa pensate che si possa rispondere!), secondo non dimenticatevi che se siete al mondo qualcuno vi avrà pur partorito! Chi sostiene che questo non è un lavoro per donne e adduce la scusa «Rimangono in cinta» non tiene in considerazione che per farlo basta un pc e può essere svolto tranquillamente da casa tra una poppata e un cambio di pannolini, anche subito dopo aver dato alla luce il dolce pargoletto, accaldate e sudate per le spinte. #donneincarriera non significa #donnesenzafamiglia!

 

 

DAI CARUGGI ALL’EU

Inizia l'avventura: www.pentapx.eu - PENTApx - dai pixel all'immagine: comunicazione, grafica, web, social-network, eventi a Genova e in Liguria

Siamo giunti alla conclusione di questa favoletta modern style. Ci mancava un passaggio fondamentale per saldare le cinque volenterose ragazze in un unico affiatato gruppo: le PENTApx! Creare la nostra vetrina mettendo in pratica tutte le competenze acquisite a Former grazie al nostro guru Adriano: il sito web della PENTApx. Mentre il logo era work in progress nelle varie versioni da presentare alla comunità dei social, mentre ci iscrivevamo a tutti i network possibili e immaginabili e progettavamo la nostra entrata sul mercato, dovevamo comprare il dominio. Il luogo dell’appuntamento fu la Facoltà di Architettura: era fine luglio e le classi erano quasi tutte vuote! Ne scegliemmo una dove prendeva internet, andammo su un hosting che metteva in promozione tutti i domini .eu a 0.99 centesimi: da buone genovesi disoccupate non potemmo fare a meno di sceglierlo! E poi passare dai caruggi all’Europa con un solo click suonava troppo bene! #PENTApxstart: www.pentapx.eu! Come tutte le favole che si rispettino non possiamo farci mancare il classico finale: e vissero tutte soddisfatte e occupate.